fbpx

Chatbot e Intelligenza artificiale (AI) permettono alle piccole e medie imprese di avere a disposizione un team di agenti di vendita che, fino ad oggi, soltanto le grandi realtà potevano permettersi. Anche nei risultati, sia in termini di acquisizione LEAD (potenziali clienti) che di riduzione dei costi di gestione, chat automatiche e machine learning consentono alle PMI un balzo in avanti considerevole. Permettono di migliorare l’individuazione e la classificazione del target di riferimento, profilando azioni, richieste e comportamenti. 

AI e Chatbot sono le soluzioni automatizzate perfette per eliminare incomprensioni, differenze e perdite di tempo tra produttori, intermediari e acquirenti. Un agente di vendita super intelligente e super efficiente, al servizio di tutti.

Machine learning e intelligenza artificiale sono le tecnologie che permettono di insegnare a un robot virtuale come gestire buona parte delle attività commerciali delle piccole e medie imprese. Funzioni che oggigiorno vengono esternalizzate o gestite dal personale addetto a tutte le fasi della vendita di un prodotto o servizio. Con la dovuta preparazione, per chi non ha un gran budget i Chatbot sono un’incredibile opportunità.

Il 40% del tempo impiegato per la vendita, può essere automatizzato e risparmiato (Offloading) attraverso un Chatbot.McKinsey Global Institute

Un Chatbot ben istruito aumenta redditività, dati e risorse

Una PMI in quali settori può risparmiare tempo, soldi e risorse, aumentando la produttività? Con un Chatbot ben programmato e una Conversational Experience piacevole, la raccolta d’informazioni sui clienti e sui prodotti – determinando una prima classificazione del TARGET – è il processo principale su cui si applica l’automazione e l’intelligenza artificiale (AI); il 1° processo su cui la redditività ha un balzo in avanti considerevole, soprattutto in queste fasi della vendita:

  • calendario visite;
  • primo approccio;
  • transazioni di base;
  • elaborazione delle vendite;
  • aggiornamento e notifiche;
  • assunzione di ordini;
  • preparazione vendite.

Con il corretto approccio, ogni punto elencato può essere automatizzato. In determinate situazioni, questo costo può essere ridotto del 60%, considerando che le fasi indicate spesso occupano ¾ del tempo e del lavoro di un agente di vendita. Ma non puoi aspettarti che un Chatbot e l’intelligenza artificiale facciano tutto il lavoro per te. Non funziona così.

Machine Intelligence, simbiosi perfetta tra BOT ed essere umano

L’agente di vendita più capace e voglioso di affrontare nuove sfide, avrà un ruolo più strategico: il focus sarà decisionale e analitico. Dovrà usare competenze immagazzinate per tanti anni e mai messe sul campo, in un altro contesto. Integrando il suo lavoro e la sua esperienza con il Chatbot, fin dalla sua preparazione. Istruendolo con l’aiuto di un team di programmatori esperti e poi lavorando all’unisono con lui (il Chatbot), l’uno imparando dall’altro. L’uno aiutando l’altro: questo è il Machine Intelligence. Alex Hillsberg, nell’articolo Artificial Intelligence: The Sales Renaissance is Here, apre le porte ad un nuovo mondo:

Gli addetti alle vendite dovranno sviluppare il Machine Intelligence. Se il Chatbot imparerà da loro, togliendo compiti e migliorando i servizi, l’agente di vendita diventerà un MARKETER ed un MANAGER”

Questa fase di apprendimento porterà ad una simbiosi perfetta tra intelligenza artificiale e intelligenza umana, tra Machine learning e Machine intelligence; partendo dalla costruzione di una forza lavoro impressionante: il Chatbot super intelligente. Presente e attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7, senza differenze di orari. E continuando con la formazione di una nuova figura professionale, il nuovo salesman. Non più agente, rappresentante e addetto alle vendite, ma una persona capace d’interpretare i dati che otterrà; capace di collaborare all’impostazione di un BOT; capace di lavorare con l’intelligenza artificiale (AI). Questo è l’agente di vendita del futuro. Non gestirà più moduli e fogli di calcolo, ma campagne intelligenti di acquisizione e qualificazione dei LEADS. Invece di scorrere con il dito un elenco di contatti e chiamarli uno a uno per vedere se sono adatti (in target).

il rappresentante delle vendite del futuro passerà più tempo dietro le quinte, gestendo una flotta di CHAT ROBOT istruiti che possono qualificarsi come Leads at Scale

Le applicazioni pratiche possono essere tante, l’intervento umano sempre fondamentale. La simbiosi perfetta tra chatbotmachine learning e intelligenza umana, porterà sempre alla costruzione di un agente di vendita super intelligente, sempre al lavoro da un lato, reattivo e funzionale dall’altro.

Il Chat Duty del nuovo Salesman e gli Inbox Target

Tutti gli addetti del settore, dovranno avere in azienda un giorno e un’ora specifici in cui fare Chat Duty (il dovere e la mansione, programmata, d’intervento umano nel Chatbot). In cui intervenire con il loro intuito, la capacità di lettura ed il loro bagaglio d’esperienza, per interagire direttamente con il LEAD più appropriato. Generalmente, negli orari di punta. Periodi in cui il Chatbot gestisce più conversazioni appropriate, avendo già smaltito le richieste inutili, occasionali e non qualificate. Perché un Chatbot di vendita può parlare con i tuoi potenziali clienti, impostare appuntamenti e chiudere le offerte per te, ma un robot in chat non sostituisce l’essere umano, ne facilita il lavoro e migliora l’esperienza. L’AI manda alert (notifiche push) nel caso ci fosse bisogno di un intervento immediato di una persona e dirige il flusso in un INBOX, ad esempio, suddiviso per categorie e temi. Così facendo, permette al processo di acquisizione del cliente e della vendita di diventare super efficace.

Automatizzando i LEAD direttamente nella casella di posta in arrivo, creando conversazioni separate per target di riferimento e aree d’interesse, si assicura che tutto sia pronto per l’intervento decisivo del nuovo agente di vendita. Sia per dare al potenziale cliente risposte e risultati che sta cercando, entrando in azione quando il bot fatica a dare informazioni specifiche, sia per permettere ai robot d’imparare, applicando in modo pratico la simbiosi tra Machine learning e Machine intelligence.

Online, rispondere al LEAD entro 10 minuti e non entro 5 minuti, diminuisce le possibilità di acquisizione del 400%ricerca di InsideSales.com

Il Big Deal delle PMI tra chatbot, essere umano ed eccezioni

Il nuovo salesman sarà più empatico. L’azienda selezionerà i più vogliosi e capaci. Le persone in grado di fare coaching e analisi, guardare il futuro e capirlo. Potrà farlo tra le forze che ha già a disposizione, oppure cercando forze nuove. Un ricambio e una rigenerazione. Un rinascimento del settore vendite, ottimizzando costi e liberando risorse; portando tutti verso un’avventura non più nuova, ma necessaria.

Perché l’intelligenza artificiale (AI) è un supporto meraviglioso per automatizzare una parte del ciclo di vendita? È possibile utilizzare un Chatbot per guidare clienti e potenziali clienti al raggiungimento delle loro richieste nel minor tempo possibile, in simbiosi perfetta con l’essere umano. In simbiosi con il nuovo Salesman, spesso gestore di eccezioni e ambiguità. Questo è il BIG DEAL delle imprese: automatizzare tutto e instradare gli imprevisti nella giusta direzione.

E il Cliente potrà fissare un appuntamento, avere informazioni sul prodotto, riacquistare uno stock, cambiare una scadenza, senza problemi e fatica. Determinando un obiettivo e impostando domande qualificate, pianificando i follow up di richiamo e costruendo un’esperienza di conversazione adeguata, da entrambi i lati si avranno risultati inaspettati.

Le aziende che hanno aperto la strada all’uso dell’AI, hanno aumentato del 52% Lead e appuntamenti, riducendo i costi del 40/60% e tempi di chiamata del 70%.ricerca McKinsey & Company

Entro il 2021 i clienti gestiranno l’85% delle relazioni con un Chatbot

L’acquisto si sta già spostando verso i robot virtuali automatizzati e, secondo McKinsey & Company, circa il 18% della spesa di settore già viene acquisita tramite e-platform. Le applicazioni AI possono sostenere lunghe attività di avvio del contatto con un LEAD di vendita, gestire qualifica, acquisizione o mantenimento di un cliente acquisito.

Ciò che immaginiamo è un assistente virtuale programmato per gestire le vendite in stock, ad esempio. E supporti virtuali, già presenti nel mercato, per gestire diverse conversazioni contemporaneamente e in più lingue, come IPsoft AmeliaChatbot che, supportati dall’assistenza vocale, permettono conversazioni più naturali e non più scritte, introducendo il nuovo salesman nel momento in cui riconosce l’esigenza dell’intervento umano, generando una conversazione a più voci e più toni.
 

 Il ruolo delle vendite non sta cambiando, è già cambiato.

Vuoi parlarne di persona?
Non esitare, contattaci ora!